Imparare UnityPrincipianti

Download e installazione di Unity


Versione 2018
Il primo passo per iniziare ad usare Unity è… indovinate un po’… scaricarlo ed installarlo!
Andiamo sul sito uffiale di Unity unity.com e scegliamo di scaricare la versione free dell’engine, ovvero la versione denominata “Personal“.
Questa procedura riguarda la versione 2018 o precedente di Unity.

Ricordate che la versione Personal di Unity è praticamente identica alla versione a pagamento e con esso potrete creare qualsiasi gioco vogliate a patto di non superare i 100.000 dollari di guadagno. (circa 80 mila euro).

L’installazione di Unity è abbastanza semplice ed intuitiva, l’unica accortezza che dovrete avere sta nella scelta dei componenti aggiuntivi da installare.

E’ importante che selezionate anche gli Standard Asset.
Gli Standard Asset non sono altro che una raccolta di materiale predefinito per la creazione dei nostri videogiochi tra cui materiali, scripts di base e altri elementi molto utili. Potrete anche importare gli Standard Asset anche in seguito.

 

Installazione versione 2019 o successive.

Dalla versione 2019 le cose sono un po’ cambiate. E’ entrato in gioco Unity HUB, ovvero un programma di lancio di Unity che prende in cosiderazione la possibilità di avere più versioni di Unity installate sul proprio computer.

Per installare Unity HUB andate al link : https://store.unity.com/#plans-individual dove potrete scegliere il tipo di licenza di Unity che vorrete usare.
Scegliete la versione Individual->Personal, ovvero la versione che vi permette di creare giochi gratuitamente, a patto di non superare i 100 mila dollari annui di introiti con il vostro gioco.
Una volta scaricato Unity Hub, da esso potrete scegliere l’engine vero e proprio.

Premendo su add potrete scegliere la versione di Unity che vorrete scaricare.

Potrete scegliere i moduli da aggiungere all’engine. Questa scelta è legata al tipo di gioco e alla piattaforma a cui sarà destinato il progetto che avete in mente di creare.


Prima esecuzione di Unity

Alla vostra prima esecuzione di Unity vi verrà richiesta la creazione di un Unity ID .
Non è un’operazione strettamente necessaria ma è caldamente consigliata e per di più gratuita.
Effettuare questa registrazione t ti permetterà di accedere all’Asset Store di Unity, ovvero al market online dove sarà possibile acquistare o scaricare gratuitamente diverso materiale da utilizzare in Unity.

Inserisci i dati e rispondi alla domanda di sicurezza. Ti verrà inviata una e-mail contenente il Link per l’attivazione dell’account.

Considerazioni finali

Al primo avvio potresti provare l’istinto di chiudere tutto, bruciare il tuo computer e fuggire via in preda al terrore.
Ma vedrai che appena riuscirai a far muovere i primi oggetti sullo schermo, al pensiero “questo l’ho fatto io”, sarai pervaso da uno stato di soddisfazione molto appagante.

Al primo avvio potresti provare l’istinto di chiudere tutto, bruciare il tuo computer e fuggire via in preda al terrore.
Ma vedrai che appena riuscirai a far muovere i primi oggetti sullo schermo, al pensiero “questo l’ho fatto io”, sarai pervaso da uno stato di soddisfazione molto appagante.

 
 
 

7 pensieri su “Download e installazione di Unity

  1. “Al primo avvio potresti provare l’istinto di chiudere tutto, bruciare il tuo computer e fuggire via in preda al terrore.”

    ahahahahahahahhahha

  2. Buongiorno,
    il nuovo installer di Unity è cambiato rispetto a quello mostrato nella guida. A istinto ho scaricato l’installer per “returning users” e non quello “first-time users”. In secondo luogo non ho trovato alcuna dicitura per gli assets standard da installare. Per evitare problemi, ho scaricato tutti gli ad-on che mi consigliavano. La domanda è: ho fatto nulla di sbagliato in tutto questo?
    Grazie in anticipo!

  3. Come detto da Tommaso, il nuovo installer di Unity è cambiato.
    Unity è sempre in costante aggiornamento.
    Ho aggiornato la guida alla versione 2021, ma è sempre da considerare che qualche feature minore potrebbe cambiare molteplici volte durante un mese o addirittura una settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *